CONTATTAMI: 328-7488756 dottcristinamambelli@gmail.com Scrivimi

Dipendenza emotiva

dipendenza-emotivaCosa vuol dire dipendere emotivamente?

Significa sentire, pensare, credere ed essere convinti che senza l’altra persona, si essa il /la compagno/a di vita, un membro o tutta la propria famiglia, un amico/a, un figlio/a, l’amante, non siamo in grado di vivere bene, ovvero di provare emozioni, avere pensieri e mettere in atto azioni che ci diano benessere.

Proprio perché ci sono queste convinzioni ogni pensiero e azione rispecchia il desiderio e la volontà di accondiscendere l’altro e di mantenere uno stato e situazione che ci permettano di non “allontanarci/separarci” dall’altro ma di sapere che l’altro non ci “abbandonerà”.

Per questo ciò che l’altro fa non è tanto valutato come azione di per sé ma come un segnale dello stato di “vicinanza/allontanamento” da noi e influenzerà i nostri pensieri ed emozioni portando i nostri comportamenti ad essere funzionali e strategici per aumentare la vicinanza. Il risultato è il sentirci dipendenti dall’altro.

L’altra faccia della medaglia è sentire, quando l’altro non è nei nostri pensieri, che la paura di essere abbandonati e sentirci soli è così forte e profonda che siamo legati all’altra persona per una nostro vissuto (che magari sentiamo da molto tempo) e che questo sta determinando i nostri pensieri, emozioni,  sentire e vita, non sapendo più in realtà chi siamo veramente e ciò che proviamo davvero per l’altro.

Un percorso con uno psicologo/psicoterapeuta, rispetto al tema della dipendenza emotiva ha come obiettivo affrontare il tema della paura dell’abbandono e del sentirsi soli, mettendo in luce le dinamiche relazionali che questo determina e mantiene, liberando la persona e permettendole di sentire e pensare nella direzione del benessere e di ciò che realmente prova e vuole.